Assistenza Tecnica Computer 02.35983994

info@computerdoc.it

Linkedin passa a Microsoft, per 26.2 miliardi di dollari

14 Giugno 2016

Commenti

0
 Giugno 14, 2016
 0

E’ la più grande acquisizione nella storia di Microsoft: dopo gli 8.5 miliardi pagati per Skype nel 2011, l’azienda di Satya Nadella ha annunciato un’operazione da 26.2 miliardi di dollari (in contanti), praticamente 196 dollari per azione, per portare LinkedIn all’intero del proprio network. E’ una mossa strategica che aiuterà entrambe le società a crescere, perché Microsoft entra finalmente nel mondo dei social network con l’acquisto di un’azienda in buone salute e leader nel segmento professional, mentre LinkedIn potrà godere dell’esperienza di Redmond ampliando le proprie funzionalità, ma mantenendo il marchio, la mission e la sua indipendenza.

Non ci saranno cambi ai vertici: l’amministratore delegato Jeff Weiner resterà al proprio posto, ma riferirà direttamente a Satya Nadella.

LinkedIn conta oggi 433 milioni di utenti con una crescita annua del 19% e 105 milioni di visitatori unici al mese con un incremento del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In totale, il sito ha raddoppiato il numero di offerte di lavoro registrate in un anno, con oltre 7 milioni di annunci e, da una semplice piattaforma per curriculum vitae, è diventato uno strumento essenziale per chi cerca e offre lavoro. Il suo modello di business si basa (in parte) sulle inserzioni, è solido ma poco redditizio: nel primo trimestre 2016, la società ha registrato un fatturato di 861.000.000 dollari (+35% su un anno), dopo 24 mesi non proprio positivi con un rosso pari a 8,4 milioni di dollari nell’ultimo trimestre 2015.

Come cambierà il social network? Difficile dirlo adesso, ma certamente Microsoft lavorerà sull’integrazione di LinkedIn nei suoi prodotti e soprattutto in quelli dedicati a professionisti e aziende. Non saremmo sorpresi di vedere nei prossimi mesi ad esempio newsfeed di LinkedIn ed altre funzioni integrate nelle future versioni di Office 365. L’acquisizione è stata approvata dai consigli di amministrazione di Microsoft e LinkedIn all’unanimità e sarà chiusa entro la fine del 2016.